Comune di Anagni

Arcazzi di Piscina

Comune di Anagni
lunedì 24 aprile 2017
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sulla nostra pagina google plus Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS
Ricerca assistita Guida alla ricerca
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Arcazzi di Piscina
Icona freccia bianca
Home Page » Vivere la Città » Monumenti » Arcazzi di Piscina

ARCAZZI  DI PISCINA

ARCAZZI

audio           Imponenti e enigmatiche appaiono le strutture antiche sul versante settentrionale, costruite in località Piscina e note comeArcazzi.Destarono la curiosità e l’attenzione di molti studiosicome l’ottocentesca Marianna Candidi Dionigi (1756-1826),che li rilevò e documentò, nonché di viaggiatori del Grand Tour come sir Richard Colt Hoare (1758-1838). Si tratta di due semicerchi in opus quadratum divisi da un segmento rettilineo. Le arcate dell’emiciclo occidentale sono collegate fra loro da una stretta pseudovolta, una volta costruita con pietre di dimensioni progressivamente maggiori e sovrapposte e che permette una distribuzione del peso in senso verticale. La funzione della costruzione è ancora oggetto di discussione: secondo alcuni è da interpretare come sostruzioni che, simili ad una enorme diga, contengono la spinta del terreno retrostante e ampliano l’area edificabile della zona, in cui, in età romana, doveva esservi le terme. L’imponenza degli Arcazzi permetteva inoltre una migliore difesa di questo versante. Ciò ha permesso a molti di vedervi una funzione difensiva che si ispira alle conoscenze di età ellenistica sulle fortificazioni e sui metodi per espugnarle. Ciò non toglie che le due funzioni possano coesistere e per l’intera operaè stata proposta una datazione tra la fine del III ed gli inizi del II secolo a.C.L’unica decorazione visibile è un fallo, simbolo usato spesso dai Romani per allontanare un male, un assedio o la distruzione del monumento.

Ad un periodo successivo, tra la seconda metà del II a.C. e gli inizi del I a.C., furono costruiti altri muraglioni all’interno della cinta, lungo via Vittorio Emanuele e lungo via Dante, creando ulteriori terrazzamenti nello spazio urbano e pareggiando il dislivello fra l’acropoli e le zone sottostanti. Su quello nei pressi di Porta Santa Maria si aprono tre archi a doppia ghierache circondano altrettante nicchie, forse con funzione decorativa.Due, quelle esterne, furono chiuse in età moderna, mentre quella interna è oggi occupata da una fontanella.

Testo © Dott.ssa M. Giudici

arcazzi

PISCINA ARCAZZI

ARCAZI

Impressive and enigmatic ancient structures appear on the northern side, built in the locality called “Piscina” and known as Arcazzi. They aroused the curiosity and attention of many scholars as the nineteenth-century Candidi Marianna Dionigi (1756-1826), who purchased and documented it, as well as travelers on the Grand Tour as Sir Richard Colt Hoare (1758-1838). This is two semicircles in opus quadratum divided by a straight line segment. The arches of the western hemicycle are connected together by a narrow pseudo-archway, a curved roof built with progressively larger sized and superimposed stones and which allows a weight distribution in the vertical direction. The function of the building is still debated: some scholars say that it must read as substructures that, similar to a huge dam, contain the thrust of the ground behind and expand the building area of the zone, where, in Roman times, had to be the thermae. The grandeur of Arcazzi also allowed a better defense of this side. This has allowed many to see a defensive function that is inspired by the knowledge of Hellenistic fortifications and methods to conquer it. It is sure that the two functions can coexist and for the whole work has been proposed a dating between the late third and early second century BC. The only visible decoration is a phallus, a symbol often used by the Romans to ward off evil, a siege or the destruction of the monument.

At a later period, between the second half of the second BC and the beginning of the first century BC, other walls were built inside the city, along Vittorio EmanueleStreetand Dante Street, creating additional terracing in the urban space and drawing the height difference between the acropolis and the areas below. On the one near Saint MaryGate there are three arches with double ring surrounding niches, perhaps with decorative function. Two, the external ones, were closed in the modern age, while the interior is now occupied by a fountain.

 

Ultima modifica

lunedì 20 giugno 2016

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Anagni è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it