Comune di Anagni

Chiesa Sant'Agostino

Comune di Anagni
giovedì 14 dicembre 2017
Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS
Ricerca assistita Guida alla ricerca
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Chiesa Sant'Agostino
Icona freccia bianca
Home Page » Vivere la Città » Monumenti » Chiesa Sant'Agostino

gbggCHIESA DI SANT’AGOSTINO

audio   Procedendo oltre la piazza, sulla destra si trova la chiesa di Sant’Agostino e il relativo convento. Nel 1556 fu occupata dalle truppe del Duca d’Alba che la devastarono. La ristrutturazione proseguì poi fino al 1575. Il progetto sembra sia da far risalire a Giovanni Antonio Dosi (detto Dosio), in quegli anni al servizio di Torquato Conti nella costruzione della cinta muraria di Anagni. Fu ristrutturata nuovamente nel ‘700.

Nel 1873, in seguito alla soppressione degli ordini religiosi, il comune avocò a sé i conventi che gli potevano essere necessari. Tra questi vi era quello di Sant’Agostino che fu occupato in parte dalla caserma dei Carabinieri ed in parte fu lasciata al priore per le pubbliche funzioni.

L'edificio presenta una pianta circolare (sull’asse verticale corrisponde l’ingresso della chiesa, su quello orizzontale due cappelle con altari) con cupola a calotta sferica e con pilastri e colonne isolati.Dietro l’altare è un quadro su tela rappresentante la Vergine col Bambino e Sant’Agostino, presumibilmente della scuola del Maratta (sec. XVII). Sull’altare di destra, pala con La Crocefissione, mentre su quello di sinistra Sant’Anatolia e Santa Lucia tra gli angeli (sec. XIX).All’entrata sulla sinistra è la cappella dedicata alla Vergine. Quella di destra è occupata dal sacrario dedicato ai Caduti della Prima Guerra Mondiale, le cui pareti sono tappezzate dalle foto dei soldati. Oggi la chiesa è inagibile per problemi di sicurezza.

Testo © Dott.ssa M. Giudici

Church of Saint Augustine

audio

Beyond the square, on the right there is the church of Saint Augustine and its convent. In 1556 it was occupied by the troops of the Duke of Alba who devastated it. Thenthe restructuring continued until 1575. The project seems to be traced back to Giovanni Antonio Dosi (called Dosio), in those years he was in the service of Torquato Conti in the construction of the boundary wall of Anagni. It was renovated again in the '700.

In 1873, following the suppression of religious orders, the municipality took upon himself the monasteries that could be necessary. Among them there was that of Saint Augustine which was partly occupied by the police station.

The building has a circular plan (on the vertical axis corresponds to the entrance of the church, on the horizontal two chapels with altars) with spherical dome and pillars and columns isolated. Behind the altar there is a painting on canvas depicting the Virgin and Child with Saint Augustine, presumably the author belonged to the school of Maratta (century XVII). On the right altar, there is an altarpiece with Crucifixion, while on the left altar there is a painting with Saint Anatolia and Saint Lucia among the angels (century. XIX). At the entrance on the left is the chapel dedicated to the Virgin. The right one is occupied by the shrine dedicated to the fallen soldiers of World War I;the walls are covered with photos of these. Today the church is down to security issues.

 

Ultima modifica

lunedì 20 giugno 2016

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Anagni è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it