Comune di Anagni

Piazza Cavour

Comune di Anagni
giovedì 14 dicembre 2017
Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS
Ricerca assistita Guida alla ricerca
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Piazza Cavour
Icona freccia bianca
Home Page » Vivere la Città » Monumenti » Piazza Cavour

kk

PIAZZA CAVOURUscendo dalla chiesa di Madonna di Loreto lo sguardo spazia sulla piazza in cui si erge l’imponente monumento ai caduti. Già elogiata dallo storico ottocentesco Ferdinando Gregorovius nelle sue Wanderjahre in Italien (Passeggiate in Italia), dalla balconata si può godere della vista dei monti Lepini e si possono riconoscere Sgurgola, Morolo e Supino. L’ampio spazio è il risultato dell’attacco mosso alla città dagli spagnoli del Duca d’Alba, stanziatesi in parte presso il vicino convento di San Francesco. In origine denominata piazza Maggiore, divenne piazza Pia nel 1963 quando per volontà di papa Pio IXfu costruito l’acquedotto della Sala, inaugurato proprio dal pontefice il 20 maggio 1863. Grazie ad una imponente opera idraulica il “Rotone”, l’acqua raccolta in località Osteria della Fontana fu convogliata nel centro della città, superando una distanza di circa 3 chilometri. A memoria di questo avvenimento fu eretta la fontana Pia, collocata al centro della balconata e successivamente spostata nel parco della Rimembranza, sostituita dal monumento ai Caduti. Nel 1926, dopo aver vinto un concorso nazionale, Enrico Del Debbio fu incaricato della progettazione del Parco della Rimembranza mentre a Volterrano Volterrani fu affidata la realizzazione del Monumento ai Caduti. Progettista delloStadio dei Marmi e del Palazzo della Farnesina a Roma, l’architetto realizzò un’ampia scaleae sfruttò la forte pendenza del terreno in chiave paesaggistica, realizzando una scenografia molto suggestiva in cui predominano i percorsi pedonali, la sistemazione naturalistica e il panorama sulla valle.La scultura di Volterrani è a base triangolare e commemora i caduti durante la Prima Guerra Mondiale e su essa spiccano i simboli della Vittoria, della Glorificazione e del Ricordo, mentre in cima i volti ricordano i soldati caduti sul fronte.

La piazza è sempre stata al centro della vita sociale anagnina e oltre alle fiere locali,qui si tenevano la Giostra della Bufala, una sorta di rivisitazione della corrida, danze in maschera e i festeggiamenti per le festività patronali.

Ai due lati brevi sorgono i settecenteschi palazzi Pierron e Giannuzzi. Quest’ultimo fu ristrutturato nel 1739 dal cav. Giuseppe Giannuzzi, inglobando parte della chiesa di San Marcello, poi distrutta nel 1865 e sostituita dalla casa ad un piano tra via Vittorio Emanuele e via Garibaldi.

Testo © Dott.ssa M. Giudici

 

yyy

Cavour Squareaudio

Leaving the church of Our Lady of Loreto,you can see Cavour Square and the imposing War Memorial. Already praised by the historian Ferdinand Gregorovius in his Wanderjahre in Italien (Walking in Italy), from the balcony you can enjoy views of the Lepinemountains and you can recognize the cities of Sgurgola, Morolo and Supino. The large space is the result of the attack moved to the city by the Spanish Duke of Alba, who in part settled at the nearby convent of Saint Francis. The square, originally called Maggiore,became Piain 1963 when Pope Pius IX built the aqueduct of the Sala, inaugurated by the Pope on May 20, 1863. Thanks to a massive hydraulic work called the "Rotone", the water collected at Osteriadella Fontana was conveyed in the city, passing a distance of about three kilometers. In memory of this event it was erected the fountain Pia, placed at the center of the balcony and then moved in the Park of Remembrance, replaced by the War Memorial. In 1926, after winning a national contest, Enrico Del Debbio designed the Memorial Park, while VolterraVolterraengraved the Monument. Designer of the StadiodeiMarmi and the FarnesinaPalace in Rome, the architect built a wide stairway and took advantage of the steep terrain enhancing the landscape aspect and creating a very suggestive scenery. The sculpture of Volterra is a triangular base and commemorates the fallen soldiers during the First World War with the symbols of Victory, and the Glorification and the Remembrance, while the top faces remember fallen soldiers on the front.

The square has always been the center of social life of the city;here once they were holdingTournament of Buffalo, a kind of retelling of bullfighting, masked dances and celebrations for the patron saint festivities.

The two short sides there are the eighteenth-century palaces,Pierronand Giannuzzi. The latter was renovated in 1739 by Cav. Giuseppe Giannuzzi, incorporating part of the church of Saint Marcello, then destroyed in 1865 and replaced by one-storey house of Vittorio EmanueleStreetand Garibaldi Street.

 

Ultima modifica

giovedì 16 giugno 2016

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Anagni è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it