Comune di Anagni

Autocertificazioni anche nei rapporti tra privati

Comune di Anagni
lunedì 01 marzo 2021
Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS
Ricerca assistita Guida alla ricerca
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Notizie dal Comune
Icona freccia bianca
Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » Autocertificazioni anche nei rapporti tra privati
Autocertificazioni anche nei rapporti tra privati
autocertificazioni
Data: mar 16 feb, 2021

Autocertificazioni anche nei rapporti tra privati

Dal 15 settembre 2020 anche i soggetti privati, come banche, assicurazioni, notai, avvocati, agenzie di servizi, ecc., sono tenuti ad accettare la dichiarazione sostitutiva di certificazione, meglio conosciuta come autocertificazione. L’art. 30-bis del D. L. n. 76/2020, convertito con L. n. 120/2020, noto come Decreto Semplificazioni, ha infatti introdotto una significativa innovazione in materia di autocertificazione, rendendola valida e obbligatoria non più soltanto nei rapporti tra cittadino e pubbliche amministrazioni o gestori di pubblici servizi, ma anche nei rapporti tra privati, senza alcuna distinzione.

Cosa si può autocertificare?

 
Ai sensi dell’art. 24 del D.P.R. n. 445/2000 si possono autocertificare:

  • dati anagrafici e di stato civile: data e luogo di nascita, residenza (anche storica), cittadinanza, stato civile e stato libero, stato di famiglia (comprese le relazioni di parentela);
  • titoli di studio, qualifiche professionali e iscrizione ad albi professionali;
  • situazione reddituale ed economica, regime patrimoniale in base all’atto di matrimonio, numero di codice fiscale e/o partita IVA;
  • situazione giuridica (godimento diritti civili).

Si possono ancora richiedere i certificati?

 
Non c’è più la necessità per il cittadino richiedere certificati anagrafici o di stato civile, fermo restando che gli stessi possono comunque essere ancora richiesti e prodotti ma solo verso i privati, previo pagamento dell’imposta di bollo (oggi di € 16,00) se richiesto.


Quindi, mentre le pubbliche amministrazioni e i gestori di pubblici servizi non possono né richiedere certificazioni né accettare quelle prodotte spontaneamente dal cittadino, i privati non possono più richiedere certificazioni, ma hanno ancora facoltà di accettare quelle spontaneamente prodotte dal cittadino.

        

Ultima modifica

16/02/2021

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Anagni è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.